Idromielia domanda per dott Gastaldi

 

Lo spazio forum è dedicato a tutti i commenti che volete fare, qui potete porre delle domande, proporre degli argomenti da discutere o semplicemente condividere vostri pensieri, preoccupazioni o difficoltà. Potete anche commentare le informazioni pubblicate da altri oppure le loro risposte riguardo ai vari argomenti.

5 contenuti / 0 new
Ultimo contenuto
iomax
Idromielia domanda per dott Gastaldi
Dottor Castaldi le volevo chiedere se un idromielia cervico dorsale puo’ dare sintomi quali formicolio ambo arti superiori ,difficolta’ nei cambi posturali flash agli occhi che durano pochi secondi . grazie saluti
Dr. keller
RE:comment
Mi permetto di ripondere prima del Dr. Gastaldi: non credo ce sia possibile rispondere ala sua domanda in modo esaustivo, poichè non si conosce la precisa localizzazione dell’idromielia e la sua grandezza ( rispettivamente se vi è una compromissione delle strutture neurali). Da quanto mi risulta, ma non sono però specialista in questo ambito, i diturbi da lei riferiti potrebbero essere causati da una simile alterazione. Mi sembrano però strani i flash visivi! La risposta migliore le potrà essere fornita da un neurologo dopo attento esame clinico e visione della MRI della sua colonna. Cordiali saluti. Dr. Nicola Keller
Soeren
RE:comment
non posso far altro che associarmi alla risposta del Dottor Keller , e avendo un po di tempo a disposizione aggiungo che la considerazione della non spiegabilità che il sintomo flash visivo sia collegabile ad una eventuale idromielia cervico dorsale deriva dal fatto dei livelli di lesioni. Possiamo considerare il midollo come un insieme di cavi che formano un impianto di luci in parallelo.... dall’alto verso il basso... se la lesione é bassa, se il cavo é interrotto in basso, le luci che si trovano sopra si accendono lo stesso, per cui se abbiamo una lesionecervico dorsale, il nervo ottico che é il secondo di 12 paia di nervi cranici, e che é ricoperto dalla mielina ed é avvolto nelle meningi, si trova prima di quel livello per cui riceve ancora gli impulsi normali. Se però l’idromielia é associata, come lo può essere ad altre malformazioni ad altri livelli, il sintomo oculare può farne parte. Pertanto va verificato non solo il midollo, ma se coesistano ad esempio la malformazione di Arnold Chiari che é legata alla ristretta struttura della fossa cranica superiore che contiene il tronco cerebrale ed il cervelletto i quali, non trovando spazio date le normali dimensioni, erniano attraverso il forame magno entrando nel canale spinale. Questa erniazione si ripercuote sulle strutture del sistema ventricolare che é nel bel mezzo del cervello e dove è prodotto il liquido cerebro spinale: lo scorrimento di questo liquido deve essere fluente sia nel sistema ventricolare cerebrale che attono al midollo, l’erniazione ovvero la protrsuione delle tonsille cerebrali in quel punto dove in cranio si unisce col canale spinale, può impedire il defluire del fluido generando danni neurologici. Anche qui la diagnosi deve ssere confermata con la risonanza magnetica nucleare dell’encefalo. Ne esistono diverse forme, ma penso sia sufficiente la semplice spiegazione del meccanismo più comune. Dico ancora che questa patologia può giungere asintomatica anche in età adulta, ma i sintomi possono anche essere precoci già dall’infanzia e la diagnosi non è facile. Una quota parte di pazienti affetti da questa malattia viene individuata accidentalmente eseguendo altri esami. Poi ci sarebbe da capire se lei con flash visivi intende i cosidetti scotomi scintillanti che costituiscono un disturbo della vista, che si trova associato generalmente all’emicrania e a volte ne costituisce la fase cosidetta prodromica; prima si generano gli scotomi e subito dopo compare il mal di testa. Cefalea con aura. Si pensa che l’origine dello scotoma sia determinato da spasmi circolatori a livello del centro visivo che é l’anello debole della catena per cui quando sta per cominciare il fenomeno che genera l’emicrania, quello é il primo segnale. Solitamente lo scotoma comincia con la comparsa di una macchiolina scura davanti agli occhi, e da questa si dipartono strisce serpiginose scintillanti e colorate. Variano di frequenza e durano circa un quarto d’ora al massimo; compaiono dopo eccessivi lavori mentali o fisici e possono anche dipendere da affaticamento visivo ma, salvo che non siano associati a paralisi o ad altri sintomi cerebrali, non hanno un significato allarmante. A volte gli scotomi possono infatti rappresentare un sintomo molto precoce di alcune malattie neurologiche, ma non di una idromielia unicamente localizzata a livello cervico dorsale in quanto anatomicamente non vi é una spiegazione per l’origine del fenomeno. Viceversa lo scotoma vi può essere associato senza essere generato direttamente, quindi semplice coesistenza senza dipendervi. Se però per flash visivi intende qualcosa di diverso o di più breve, questi possono dipendere anche da disturbi vascolari e andrebbe verificata anche l’ateria temporale ad escludere una arterite temporale che appartiene alle vasculiti granulomatose e che colpisce elettivamente l’aorta e i suoi rami principali con una predilizione per le branche extracraniche della carotide tra cui appunto l’ateria temporale.
iomax
RE:comment
Egregio dottor Gastaldi la ringrazio per la prolissa risposta .Le avevo posto la domanda soprattutto sulla luce intensa che mi appare in certe situazioni e solo dopo certi movimenti e sforzi ove siano impegnati sia la forza fisica che la concentrazione per eseguire un lavoro :esempio appena terminato un lavoro minuto tipo svitare una presa di corrente in posizione genuflessa nel momento che mi sono rialzato ho avvertito quando in posizione quasi eretta una luce intensissima che mi ha obbligato a chiudere gli occhi dal fastidio per riaprirli dopo circa due secondi ;la stanchezza e’ presente ed il formicolio agli arti superiori e’ molto fastidioso tanto da risvegliarmi dal sonno parecchie volte di notte .Ho fatto una visita al San Raffaele da un Oftalmologo ed ha escluso qualsiasi patologia legato alla sua specializzazione riferendomi di recarmi da un neurologo ;io ero gia’ stato da un neurologo che mi ha detto che l’origine di tale disturbo poteva essere psicogeno ,ma lui mi ha detto di andare da un medico serio che trovi l’origine della causa in quanto uno non si inventa un simile disturbo. Ora la mia vita non e’ dolorosa per questi lampi di luce in quanto ho disturbi ben piu’ fastidiosi tipo dolore che ormai mi ha tolto quasi tutto di quel che ero ,ma la paura di avere all’origine questa terribile malattia alimenta ulteriormente i miei disagi . grazie saluti
Soeren
RE:comment
A naso indagherei anche il versante vascolare circolatorio; con quel disturbo andrebbe anche fatto uno studio dei parametri ematochimici basali .... Sarebbe anche interessante sapere se ultimamente é aumentato di peso e quanto pesa; comunque, visto che é a Milano, si rivolga al Besta per quanto riguarda la neurologia.... ma senta anche un buon internista... Milano non é lontano da Pavia e li c’é un nostro amico che é venuto anche a presentarci una bella relazione qui in Svizzera, il Professor Carlo Maurizio Montecucco che oltre tutto é astato anche un allievo di uno dei più grandi ematologi Italiani il Professor Ascari . Carlomaurizio Montecucco Titolo accademico: direttore della Scuola di specializzazione in reumatologia dell’Universita’ di Pavia Incarico: direttore universitario dell’Unita’ operativa di reumatologia Ospedale: Policlinico San Matteo, Pavia Clinica universitaria: Unita’ operativa di reumatologia, Universita’ di Pavia Specialita’ di eminenza: artriti, connettiviti e vasculiti Telefono: 0382.502419 Fax: 0382.503171 E-mail: montecucco@smatteo.pv.it Ma é anche un ottimo internista e semeiologo. Magari tanto per cominciare si faccia fare un bel ecocolordoppler dei tronchi sovraaortici e un controllo del sangue comprensivo di glicemia e emoglobina glicosilata Per il Besta questi sono i riferimenti http://www.istituto-besta.it/Home.htm http://www.istituto-besta.it/Salute.htm da questo link trova tutte le istruzioni e che via seguire per scegliere lo specialista più adatto a lei. Pur essendo in un’altra regione ho sempre avuto ottimi riscontri, magari telefonando direttamente ai colleghi, prassi che oggi si é persa da parte del medico di famiglia, ma che a mio giudizio andrebbe ripristinata....

Dr. Tiziano Gastaldi

*Modificato da soeren il 2009/4/17 alle 9.49.11.

*Modificato da soeren il 2009/4/17 alle 9.57.10.